Strumenti di misura a basso costo e strumentazione economica da laboratorio

  Strumenti di misura a basso costo  
Strumenti di misurazione a prezzi scontati

Strumentazione economica
per spendere meno

Una gamma di strumenti semplici nell’utilizzo e nel prezzo

Richiedi informazioni
 
HOME PAGE AZIENDA PRODOTTI OFFERTE DOVE SIAMO RICHIESTA INFO/CATALOGHI NEWS AREA INFORMATIVA FORUM NEWSLETTER AREA RISERVATA

 

RICERCA nel sito
ricerca
 
     
   
    Ricerca Avanzata  
     

 

 

 

INFORMAZIONI UTILI STRUMENTI DI MISURA EASY INSTRUMENTS

 
Area informativa > APPLICAZIONI
 
 Misura del Rumore e del Livello Equivalente "Leq"

RUMORE


Il rumore viene distinto dal suono perché è generato da onde acustiche irregolari e non periodiche, percepite come sensazioni uditive sgradevoli e fastidiose.


Il tipo di risposta umana ad un fenomeno sonoro è quantificata misurando la pressione sonora.


Le variazioni di pressione sul timpano, che vengono percepite come suono, sono le stesse variazioni che agiscono sul diaframma del microfono del fonometro, lo strumento impiegato per la misurazione dei livelli sonori.


L'orecchio umano è un organo molto sensibile che avverte alte variazioni di pressione sonora e una gamma di frequenze comprese fra 20 Hz e 20.000 Hz. Tuttavia, la sensazione uditiva, non è legata a una variazione lineare della pressione sonora, bensì a una relazione di tipo logaritmico; per tale motivo le grandezze acustiche sono espresse in deciBel (dB). Il deciBel non è un'unità di misura, ma un'unità di relazione logaritmica:


Lp=10/log (P/P0)2


p: pressione acustica misurata;


p0 : pressione di riferimento, pari a 20 µPa. 


IL LIVELLO EQUIVALENTE


Consente di esprimere un giudizio sulle potenzialità nocive o disturbanti di un rumore perché ne considera l'apporto energetico durante la sua durata.


Il termine di ponderazione approssima la risposta in frequenza dell'udito. Essendo infatti il nostro apparato uditivo diversamente sensibile a suoni caratterizzati da una differente composizione in frequenza, viene utilizzato convenzionalmente questo filtro che simula tale risposta. La scelta di questo indicatore, oltre ad essere espressamente indicato dalle normative di riferimento, dipende dal fatto che esso tiene conto del contenuto energetico totale del rumore, nel tempo di misura scelto. Il livello equivalente può essere visto come quel livello di pressione sonora costante contenente la stessa energia del segnale di rumore variabile prodotto nello stesso intervallo di tempo dalla sorgente in esame; l'unità di misura del LAeq è il dB(A). La natura "energetica" di questo parametro implica che la somma di due livelli equivalenti non corrisponda alla somma algebrica ma riguardi la somma logaritmica.


In base ai riferimenti normativi nazionali, si scegli come tempo di riferimento per la stima dei livelli sonori il periodo diurno (6.00 22.00) e notturno (22.00 06.00). Il tempo di riferimento (TR) rappresenta il periodo della giornata all'interno del quale si eseguono le misure. I rilievi di rumorosità devono tenere conto delle variabilità sia dell'emissione sonora delle sorgenti che della loro propagazione.


La misura può essere eseguita o per integrazione continua o con tecnica cosi detta di campionamento. Nel primo caso il valore di LAeq,TR viene ottenuto misurando il rumore ambientale durante l'intero periodo di riferimento, con l'esclusione eventuale degli intervalli in cui si verificano condizioni anomale non rappresentative del fenomeno in esame, nel secondo il valore LAeq,TR viene calcolato come media dei valori del livello continuo equivalente di pressione sonora ponderata "A" relativo agli interventi del tempo di osservazione (T0)i ovvero: dove (T0)i rappresenta il tempo di osservazione.


La normativa italiana prevede che siano utilizzati descrittori sia per definire i limiti riferiti al livello sonoro di una specifica sorgente sia per definire il livello complessivo dell'insieme delle sorgenti. L'evoluzione degli approcci normativi, comunitari e nazionali, richiede però che la quantificazione dei livelli sonori debba essere distinta per tipologia di sorgente. Nel caso specifico della valutazione del rumore generato dalle infrastrutture di trasporto, il parametro acustico SEL (livello sonoro di un singolo evento LAE) può servire a quantificare il contenuto energetico di ogni singolo passaggio veicolare.


Il SEL è definito come il livello di segnale continuo della durata di un secondo che possiede lo stesso contenuto energetico dell'evento considerato e serve per quantificare energeticamente un singolo evento di rumore.


dove:



  • t2 - t1 è un intervallo di tempo sufficientemente lungo da comprendere l'evento

  • t0 è la durata di riferimento (1 s)


ALLEGATO "PDF" RIFERITO AD:
Estratto ANPA (Agenzia nazionale protezione ambiente) rassegna degli effetti derivanti dall'esposizione al rumore

 

 

NEWS
misurazione
Nessuna News presente

 

LOGIN
misurazione
Login Utente
Username: 
Pwd:  
     Memorizza
Recupera dati
RICHIEDI REGISTRAZIONE

 

IL TUO CARRELLO
misurazione
 
Codice Articolo Q.tà
Il carrello è vuoto

 

 VISUALIZZA CARRELLO


 

Vendita strumentazione economica da laboratorio e strumenti di misura a basso costo

Powered by WILDWEB

© 2006-2009 EASY Instruments - Arroweld SPA - Strumentazione e strumenti di misura
Via Monte Pasubio, 137 -  36010  Zanè (Vicenza) Italy - P.Iva 03354110243 - company info  |  cookies policy
tel. (+39) 0445 804444 -  fax (+39) 0445 804400  info@easyinstruments.eu
Uffici Commerciali Trissino  -  tel.0445/492313  -  fax 0445/491365